meteo apuane
ALLERTA METEO
* * * * * *
legenda allerta meteo
Clicca sulle icone per accedere
al dettaglio della Regione Toscana


BACHECA AVVISI
Non si intravedono cambi di circolazione con Alta Pressione che ci accompagnerà probabilmente sino al termine del mese. Da segnalare solo un temporaneo calo delle temperature durante il prossimo fine settimana per l'afflusso di aria più fresca ma ancora asciutta dai Balcani. Seguire comunque gli aggiornamenti.

WEBCAM
webcam VINCA
VINCA
Visualizza le altre Webcam >>

NOWCASTING
Radar Precipitazioni "Settepani"
RADAR PRECIPITAZIONI

satellite europa
SATELLITE INFRAROSSO

fulminazioni Toscana
FULMINAZIONI

COLLABORAZIONI TECNICHE

Protezione Civile Massa Carrara

Meteo System

Museo Bernacca Fivizzano


BOLLETTINO DELLA MONTAGNA
Previsioni a 3 giorni per le principali località sciistiche e montane delle Apuane ed Appennino settentrionale
21-02-19
meteo zum zeri
22-02-19
meteo zum zeri
23-02-19
meteo zum zeri
Zero Termico: 2500 m   |   Altezza Neve: 6 cm
21-02-19
meteo cerreto
22-02-19
meteo cerreto
23-02-19
meteo cerreto
Zero Termico: 2400 m   |   Altezza Neve: 10 cm
21-02-19
meteo campocecina
22-02-19
meteo campocecina
23-02-19
meteo campocecina
Zero Termico: 2500 m   |   Altezza Neve: 0 cm
21-02-19
meteo pratospilla
22-02-19
meteo pratospilla
23-02-19
meteo pratospilla
Zero Termico: 2400 m   |   Altezza Neve: 8 cm

''Un pessimista vede solo il lato scuro delle nuvole e si deprime; un filosofo vede entrambi i lati e se ne infischia; un ottimista non vede neanche le nuvole...perché cammina su di esse...''(Leonard Luis Levinson)
Il cosiddetto ''mare di nubi'' che spesso possiamo osservare dalle montagne è un normale e frequente fenomeno naturale creato, nella maggior parte dei casi, da deboli correnti molto umide provenienti dal mare (nel nostro caso il Mar Ligure per quanto riguarda il versanti Sud dell'Appennino o dall'Alto Adriatico per il versante Nord) che, incontrando i primi rilievi, sono costrette a sollevarsi raffreddandosi e quindi condensandosi in formazioni nuvolose. Si tratta delle tipiche nubi basse denominate Strati o Stratocumuli e che si formano ad una altezza compresa fra i 400/500 metri ed i 1800/2000 metri. Solo raramente danno luogo a deboli precipitazioni consistenti in pioviggini, o nevischio quando le temperature lo permettono. La bellezza del fenomeno consiste nel fatto che si può osservare in ''tre dimensioni'': possiamo iniziare una escursione sotto una coltre grigia di nubi, poi attraversare lo strato intermedio, dove ci troveremo letteralmente ''immersi'' nelle nubi, per poi bucare questo strato e trovarci improvvisamente illuminati da un magnifico tiepido sole, che ci farà godere, nella sua magnificenza, tutto il mare di nubi sottostante. Altre volte lo stesso fenomeno lo possiamo notare quando al mattino, il forte raffreddamento notturno della massa d'aria in un fondovalle, crea una spessa coltre di nebbia che avvolge i primi 200/300 metri di quota, che dall'alto appare come un mare di nuvole dalle quali possono spuntare improvvisamente ''isolotti'' di colli, paesi o castelli...
Un fenomeno più raro, ma anche più spettacolare è lo ''Spettro di Brocken'', definito anche ''Arco di Brocken'' o ''Gloria''. Si tratta di un fenomeno ottico di diffrazione atmosferica che si manifesta in particolari situazioni. Se ci troviamo sulla cresta di un monte con il sole basso alle spalle ed un banco di nubi basse davanti a noi, l'ombra del nostro corpo si può proiettare sulla nube e si manifesta molto più grande ed a forma di triangolo con attorno degli anelli, una specie di aureola di luce con tutti i colori dell'arcobaleno. E questa immagine riflessa naturalmente può muoversi unitamente allo spostamento della nube, accrescendo l'effetto e rendendolo davvero misterioso e spettrale. La distorsione a triangolo è dovuta al fatto che l'ombra delle gambe dell'osservatore è proiettata sugli strati di nebbia più vicini delle sue spalle e della sua testa, che quindi appaiono più piccoli. Il fenomeno è conosciuto da tempi immemorabili, ma prima di arrivare ad una spiegazione scientifica, ha dato luogo alle più svariate interpretazioni sovrannaturali...

Per quanto riguarda il tempo dei prossimi giorni, sarà ancora dominato da un incontrastato campo di Alta Pressione che interesserà le nostre regioni probabilmente ancora per lungo tempo. Sul suo bordo orientale scorrerà però un afflusso di aria molto fredda proveniente dall'artico finlandese che, nel fine settimana, porterà temperature gelide con neve fin quasi alle pianure sulle regioni del sud Italia; mentre le nostre zone vedranno un rinforzo dei venti fra Tramontana e Grecale ed un calo moderato delle temperature a cominciare da sabato 23. Ancora per giovedì e venerdì avremo un cielo fra il sereno ed il poco nuvoloso con temperature piuttosto miti, dato che lo zero termico oscillerà fra i 2400 ed i 2500 metri e a 1500 metri avremo isoterme medie comprese fra 4° e 7°C. Fra sabato e Domenica invece alcuni modelli danno l'arrivo di isoterme fra -4°C e -6°C a 1500 metri con zero termico in calo sino a 1000 metri e anche meno. Pensate che però fra Puglia, Basilicata e Calabria potrebbero arrivare isoterme sino a -10°C/-12°C con zero termico quasi al suolo. Nel prossimo aggiornamento analizzeremo meglio questa evoluzione.


Aggiornamento del 20 febbraio 2019 a cura di Mauro Olivieri
(aggiornamento 3 volte la settimana)




>> Accedi alla raccolta delle NEVICATE (archivio dal 2006)

meteo apuane
Portale di meteorologia per la provincia di Massa Carrara.
Associazione locale per la divulgazione delle
scienze meteorologiche e del clima.

CONTATTI
NOTE LEGALI
HOME
Home Page
PREVISIONI
Provincia
Bollettino "3 Confini"
Mare
Montagna
Meteo-Viabilità
Incendi Boschivi
MONITORAGGIO
Rete Stazioni
Livello Fiumi
Archivio Dati
Area Riservata Enti
WEBCAM
Webcam
DIRETTA
Segnalazioni
Nowcasting
DIDATTICA
Clima Locale
Articoli/Cronache
Nevicate
Foto
CHI SIAMO
L'Associazione
Iniziative
Staff
Partner
Contattaci